Musica.

E tu sei lì, in quella stanza. In quella solitudine. Immerso in quel silenzio assordante che solo la musica riesce a domare. Sei agitato, hai il cuore a mille. Ti fa male la testa, ti senti opprimere dai troppi ricordi, vuoi urlare. Ma non riesci, le parole ti restano intrappolate in gola.
Senti che stai per scoppiare, ma all’improvviso..
Io mi sento come il sole che tra poco esploderà. E intanto brucia ancora.
..ecco che arriva la musica e ti salva. Inizi a calmarti nel sentire il suono di quelle parole. Eccole che ti rimbombano in testa, scacciano i pensieri. Li riducono in lacrime, lacrime che ti scorrono sul viso. Ti bagnano, ti liberano da tutto ciò che ti opprime. Almeno in quei pochi minuti.
Sono qui, aspetterò. Io aspetterò.
Aspetti la tua pace e finalmente la ritrovi tra le note di quella canzone.
E ti senti libero, spoglio di tutto, leggero come non mai. Sereno.
Ed è un’emozione piacevole, un’emozione che solo la musica può darti.
In tante canzoni ritrovi le parole in grado di consolarti.
Perché sono quelle che cerchi, le uniche che realmente vorresti sentire.
È passata un’altra sera e sembra sempre tutto uguale, chissà se qualcosa in fondo potrà mai cambiare. Stessi discorsi, le poche opportunità della provincia ti fanno attaccare di più ai sogni. Viaggio in macchina e non c’è in giro nessuno. Son da solo con la musica che mi tiene al sicuro.
Credi che non ci possa essere sicurezza maggiore di una melodia.
Perché quando tutto sembra crollarti addosso, ciò che ti resta è la musica.
Lo specchio della tua anima.
Poi arriva quella canzone, sembra come se la tua vita è riassunta in quelle parole.
E finalmente ti ritrovi. Ti ritrovi in una canzone.

Ci sono sere in cui non riesci a sopportarti. In cui tutto ciò che vuoi è evadere. Evadere da te stesso.
Faccio due passi per star lontano da me stesso. Lo so, lo so che tanto poi non ci riesco.
Perché va così: cerchi di fuggire da te stesso, pensi che sia la cosa più giusta, quello di cui hai bisogno. Ma menti, perché in realtà tutto ciò che vuoi, e che cerchi di nascondere, è solo un po’ di comprensione.
È sapere di non essere solo.
E in un mondo che ti fa sentire sempre più abbandonato, sapere di avere un punto di riferimento su cui fare affidamento è importante.
E così la musica diventa l’unica cosa su cui poter contare, l’unica certezza.
Perché la musica non te la toglie nessuno.
E anche quando intorno a te c’è solo silenzio, nella tua testa più risuonare quella canzone.
La tua ancora di salvezza.

Così, la musica diventa la tua compagna di viaggio.
Ti è sempre accanto, permettendoti di tenere vivi i tuoi ricordi.
Quante volte hai associato ai momenti più importanti della tua vita una canzone?
Perché la musica serve anche a questo. A far rivivere quei ricordi, a far riprovare quelle emozioni.
Cerco su ogni volto un ricordo, sembra che il tempo non sia mai trascorso. Un brivido chiude lo stomaco. Rimango incredulo e so che le emozioni non muoiono mai.
Perché la musica non lo permette.
Perché la musica scuote gli animi anche di chi dentro sembra non avere sentimenti.
Perché la musica è viva, come dice il titolo di una canzone.
Perché la musica rende vivi.
Crea un turbine di emozioni ed è impossibile non sentirle scorrerti dentro.
Ti smuove, ti sveglia, ti dà la forza di andare avanti.
Ti dà speranza quando tutto sembra buio.
E su un muro sporco di sangue io ho scritto speranza. E’ come una danza e il mondo mi sta a sentire.
E se il mondo non lo fa, ci pensa la musica ad ascoltare i tuoi sfoghi, a prenderti, accoglierti, consolarti, cullarti. A farti ritrovare la forza di andare avanti.
Hai promesso a te stesso ce la farai. Quanto è lunga la strada, non arriva mai. Ci si perde qua dentro, tu non lo sai. E’ una giungla dove sopravviverai.
Già, questa realtà è come una giungla in cui devi lottare e tirare gomitate per farti spazio, per trovare il tuo posto.
E una canzone in sottofondo può darti la spinta giusta.
Questa vita è mia e voglio volume. Voglio vedere quanto in là posso arrivare.

Così la musica diventa un mondo. Un mondo in cui incontrarsi o isolarsi.
Un mondo in cui poter evadere quando la realtà diventa troppo rumorosa e sopportare quel caos risulta impossibile.
È il luogo in cui ritrovare te stesso, per stare un po’ insieme, per sentirti meno solo.
È ciò che ti resta quando tutto sembra crollarti addosso.
E quando ti butti a terra perché le tue certezze sembrano perse..
Scusa tanto se non sono come te, io comincerò dal fondo. E non credo alle tue favole perché faccio a pugni con il mondo.
..ecco che arriva quella canzone che ti fa riprendere, che ti fa ritrovare qualcosa in cui credere.
Allora sei pronto a dire:
Si può credere alle favole anche se fai a pugni con il mondo.

(Scritto il 12 maggio 2010)

Annunci

Informazioni su Miriana

"Perché sfotti così la tua bellezza?" le chiesi. "Perché non ci vivi insieme, e via?" "Perché la gente pensa ch'è tutto quel che ho. La bellezza non è niente, la bellezza non dura. Non lo sai quanto sei fortunato, tu, a essere brutto, ché se a qualcuno gli piaci, così sai che è per qualche cosa d'altro."
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...