Parole perse.

04_1024

Non lo so, ci sono volte in cui le parole ti spariscono all’improvviso.
E’ una strana sensazione.
Tu sei lì, con un bisogno urgente di scrivere qualcosa, una qualsiasi cosa, ma di scriverla.
Perché ogni tanto capita che le parole si accumulino e allora hai il bisogno di liberartene, almeno in parte.
Così.
Ma poi.. Ma poi ti ritrovi davanti ad un foglio bianco e tutto ciò che prima ti ostruiva i pensieri, sembra svanire.
E non riesci a fare altro che restare lì a fissare quella pagina, aspettando non so cosa.
Forse un’ispirazione.
Un’idea.
O semplicemente un po’ di coraggio.
Sì, perché per riempire un foglio vuoto ci vuole coraggio.
Mettere in ordine i pensieri.
Trovare le giuste parole, combinarle per formare la giusta frase.
Quella chiara, che colpisce, che rende bene l’idea, quella ad effetto.

No, non se ne sono andate, le mie parole. Solo che quando hai troppo dentro, finisci per non riuscire a far uscire niente.
E finisce sempre così.
Che io di quelle parole non me ne libero mai.
Ma ad accumulare parole, su parole, su parole, quel peso che sento sulla bocca dello stomaco si aggrava sempre più.
Devo imparare a lasciarle andare, le parole. Almeno quelle.
Non posso tenere sempre tutto dentro, non ho lo spazio necessario.
E probabilmente a furia di accumulare parole potrei finire con l’implodere.
O forse, perché no, sono implosa già.
E tutto ciò che mi è rimasto dentro è solo un vuoto.
Un buco nero.
Un buco nero in cui le mie parole cadono, si perdono, per poi comparire quando ormai penso che non mi appartengano più.
E tutto prosegue, come un circolo vizioso.
All’infinito.

Ma intanto quell’uragano, quella turbolenza di parole e pensieri si agita in me.
E tutto prosegue, come un circolo vizioso.
All’infinito.

E niente trova luce.

(Scritto il 25/12/2011)

Annunci

Informazioni su Miriana

"Perché sfotti così la tua bellezza?" le chiesi. "Perché non ci vivi insieme, e via?" "Perché la gente pensa ch'è tutto quel che ho. La bellezza non è niente, la bellezza non dura. Non lo sai quanto sei fortunato, tu, a essere brutto, ché se a qualcuno gli piaci, così sai che è per qualche cosa d'altro."
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...